PollockRobot – Progetto di robotica facilitata
 

Risultati indagine fabbisogni professionali meccatronica/robotica – automazione

giu 09

Come preannunciato qualche giorno fa, oggi si è svolta il convegno meccatronica/robotica competenze e professioni nel futuro del Piemonte, in tale occasione è stato presentata l’indagine sui fabbisogni professionali del comparto meccatronica/robotica-automazione che mi è stato inviato dall’ufficio stampa della Rete Robotica a Scuola a e via allego.

L’indagine sui fabbisogni professionali del comparto meccatronica/robotica-automazione si inquadra nel programma previsto dal Protocollo di Intesa per lo Sviluppo dell’Istruzione Tecnica e Professionale nel campo della Meccatronica e della Robotica siglato nell’autunno del 2010, tra una rete di Istituti Tecnici e Professionali, il Politecnico, il sistema produttivo locale, la Camera di Commercio, la Provincia di Torino e la Regione Piemonte Le attività di ricerca e rilevazione si collocano, a loro volta, nel progetto RIF (Rete Indagini Fabbisogni) della Regione e della Province del Piemonte, avviato nel 2008 e che ha coinvolto, ad oggi 20 settori, più di 500 esperti designati dalle parti sociali (Associazioni datoriali e Organizzazioni sindacali) e oltre 3.000 aziende. In particolare questa indagine ha visto la diretta partecipazione di imprenditori e manager del settore designati da AMMA, API, CNA, Confartigianato e di rappresentanti dei lavoratori designati da CGIL, CISL, UIL.

La ricerca, in accordo col metodo adottato nel progetto RIF, assegna ai referenti delle parti sociali un ruolo determinante nella messa a punto degli strumenti di rilevazione, nella realizzazione delle indagini e nella validazione dei risultati:

  • in una prospettiva di anticipazione dei fabbisogni (a quali scenari professionali conviene riferirsi e su quali figure conviene investire);
  • nel rispetto delle prerogative del sistema formativo (le parti sociali segnalano la domanda, i fabbisogni professionali, non entrano nel merito dei processi con cui si realizza l’offerta formativa);
  • con una particolare attenzione alla qualità e alla efficacia della comunicazione (attendibilità e valore d’uso delle informazioni che il sistema produttivo fornisce al sistema formativo).

Su questa base il gruppo degli esperti e lo staff di ricerca effettuano e/o presidiano le seguenti azioni:

  • ricognizione del sistema produttivo (delimitazione del campo; scenari tendenziali; famiglie di prodotti/servizi; ciclo di produzione);
  • individuazione del sistema professionale (anagrafe delle figure di riferimento; descrizioni sintetiche delle figure);
  • rilevazione dei fabbisogni (diffusione e incidenza sugli organici; outsourcing; trend della domanda; difficoltà di reperimento; istruzione attesa).

INDAGINE

{lang: 'it'}

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>