Uso dell'iPad nella scuola primaria
 

Sentenza a Siena: i supplenti di lungo corso vanno assunti!

ott 04

Aggiornamento delle 17:26: mi è giunto da un collega il link all’articolo originale di ItaliaOggi citato nel post di VoceATA.

Rilancio la news pubblicata su VoceATA in quanto mette in luce la situazione di sfruttamento che molti colleghi precari stanno subendo da anni:

Di certo VoceAta non si è stupita quando ha appreso la notizia. E’ da tempo che stiamo dicendo a tutti di sbrigarsi, di organizzarsi affinchè tutte le province partano con ricorsi per il RUOLO seri, fatti secondo normativa, per scalfire la giurisprudenza. Intanto il ricorso così come lo proponiamo noi è già partito a Torino e a Palermo e in tante altre province si stanno organizzando. C’è qualcuno però che  non solo ci ha anticipati,  ma addirittura in primo grado ha già avuto sentenza positiva. Questo qualcuno è una docente di Siena a cui il Giudice del lavoro del tribunale di Siena Diego Cammarosano, ha decretato la trasformazione automatica del contratto da TD a TI. Il motivo è molto semplice ed è  ben spigato da VoceAta  nell’articolo che si trova a lato della home. La docente aveva sforato i 3 contratti reiterati presso lo stesso datore di lavoro. La stessa infatti aveva accumulato ben 6 contratti di lavoro di seguito, tutti da inizio anno fino a termine delle attività didattiche, per poi essere licenziata. Questo comportamento lo ricordiamo è vietato dalla legge sia nel settore privato che in quello pubblico (in quest’ultimo è tuttavia consentito SOLO per fronteggiare situazioni di emergenza). Invece come i precari ben sanno, accade che l’eccezionalità nel settore pubblico diventa la regola ed i contratti vengono reiterati per decenni…

Continua la lettura su VoceATA

{lang: 'it'}

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>