Trucchi e segreti per utilizzare Google a scuola – puntata 2
 

Seminario sul potenziamento cognitivo e il gioco come risorso cognitiva

mag 14

L’intervento con i bambini nei progetti di cooperazione allo sviluppo

Il progetto Fenix: sviluppo della resilienza scolastica di bambini in contesto di difficoltà

Prima giornata (venerdì 28 maggio 2010, ore 14.30-17.30): il progetto Fenix per la scuola primaria

Visione del filmato: “il Progetto Fenix in Brasile e in Italia: le origini, gli scopi, i primi esiti”

  • Contesti socio-culturali deprivati e fattori di rischio
  • Potenziare la resilienza scolastica incrementando la motivazione ad apprendere e favorendo lo sviluppo cognitivo
  • Il progetto Fenix: un programma di didattica laboratoriale per il potenziamento cognitivo e motivazionale degli alunni in difficoltà della scuola primaria
    • Scopi
    • Principi metodologici
    • Indicazioni operative
    • Strumenti di valutazione
    • Esiti di ricerca
  • Analisi dei software della piattaforma Edurete e strategie di accompagnamento all’apprendimento
  • Attività di gruppo

Seconda giornata (sabato 29 maggio 2010, ore 14.00-17.00): il Progetto Fenix per la scuola dell’infanzia

  • La classificazione dei giochi in relazione allo sviluppo cognitivo, affettivo e relazionale
  • La valigetta dei giochi per lo sviluppo cognitivo
  • Strategie di accompagnamento verbale per l’utilizzo dei giochi secondo un piano di potenziamento
  • Analisi di una programmazione
  • Strumenti di valutazione
  • Primi risultati di ricerca
  • Attività di gruppo

Il seminario si terrà

  • Venerdì 28 maggio ore 14.30-17.30 presso l’Aula Riunioni del Dipartimento di Scienze dell’ Educazione dell’Università di Torino, Via Gaudenzio Ferrari 9/11, 2° piano
  • Sabato ore 14.00-17.00 presso il C.F.P. Spazio Psicomotorio in Via Brione 40 – Torino

Relatrici:

  • Cristina Coggi, Professore ordinario di Pedagogia sperimentale e Docimologia presso la Facoltà di Scienze della Formazione (Università di Torino)
  • Paola Ricchiardi, Ricercatore confermato di Pedagogia sperimentale presso la Facoltà di Scienze della Formazione (Università di Torino)

Il gioco come risorsa per i bambini, le mamme e la comunità

  • Il movimento e il gioco nello sviluppo emotivo, relazionale e cognitivo del bambino
  • La metodologia dei talleres “Vamos a jugar”
  • Emozioni in gioco per mamme e bambini
  • Dal piacere di giocare al piacere di pensare: il gioco e la narrazione
  • Dall’esperienza corporea al gioco simbolico
  • Perché e come giocare con i bimbi al di sotto di un anno
  • Il gruppo delle mamme: giocare
    • per alimentare/rinforzare la relazione con i propri bimbi
    • per “incontrare” i propri bimbi in una situazione di piacere condiviso
    • per riconoscersi come mamme all’interno del gruppo delle altre mamme
  • L’attivazione di spazi gioco come possibilità di trasformazione e di riattivazione di reti e di energie nella comunità
  • Presentazione di filmati e lavori di gruppo

Sabato ore 9.00-13.00 presso il C.F.P. Spazio Psicomotorio in Via Brione 40 – Torino

Relatrici:

  • Anna Maria Bastianini, psicoterapeuta e psicomotricista presso l’ASLTo5, formatrice della Scuola Adleriana di Psicoterapia di Torino
  • Ester Chicco, psicoterapeuta e psicomotricista presso l’ASLTo5, formatrice ASEFOP (Association des Ecoles de formation à la Pratique Psychomotrice)

Iscrizioni e informazioni:
Psicologi per i popoli – Torino tel. 011 4361812, 339 3988309
Psicologi nel mondo – Torino tel. 340 6265259
www.psicologiperipopoli-torino.it
e-mail info@psicologiperipopoli-torino.it

Per la partecipazione alle due giornate di formazione è richiesta l’iscrizione a Psicologi per i Popoli – Torino o a Psicologi nel mondo – Torino. La partecipazione è gratuita.

{lang: 'it'}

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>