PollockRobot – Progetto di robotica facilitata
 

Nasce: VoceATA network di informazione del personale ATA

mag 03

Il network Vocescuola diventa più grande! Alla famiglia si aggiunge

VoceATA – istruzioni di ordinaria sopravvivenza
network di informazione del personale ATA

Il comitato ProATA e il sito ad esso collegato VoceATA, nasce dalla necessità di tutelare gli interessi di tutto il personale ATA della scuola italiana.

Il sito in versione beta da circa un mese vede la sua presentazione pubblica oggi in cui inizia il cammino per il riconoscimento del contratto a Tempo Indeterminato (TI) del personale Amministrativo Tecnico e Ausiliario della Scuola che ha ricevuto più contratti a Tempo Determinato (TD) su posto di Diritto (Vacante, non supplenti di personale già in forza all’Istituzione Scolastica).
Come stabilito dalla Corte di Cassazione sezione lavoro, con sentenza nr. 6328 del 16 marzo 2010, la stipulazione di un contratto a tempo determinato non può essere ricondotta a strumento comune di assunzione al lavoro. (leggete il ricorso: ruolo del personale ATA)

Presentazione:

A Torino, in data 29/03/2010 presso l’ I.P.S.I.A. “Galileo Galilei” di via Lavagna n°8 si è tenuta una riunione alla quale hanno partecipato alcune persone appartenenti alla categoria del personale ATA. Da questo incontro è emersa la necessità di costituire un Comitato al quale è stato dato, temporaneamente, il nome di “ProATA”.
Il Comitato ProATA nasce dalla necessità di tutelare gli interessi di tutto il personale ATA, in particolar modo per la difesa del lavoro, consapevoli di quanto il livello di preparazione ed efficienza di questo importante comparto della scuola costituisce per l’intero Sistema Istruzione, il quale, costantemente mortificato dalla precarizzazione, non può adeguatamente mantenere.
ProATA nasce dopo che è stato già presentato e depositato il ricorso al TAR del Lazio avverso l’applicazione dell’art. 49 CCNL e affinché si possano gestire e intraprendere, da qui in avanti, azioni volte alla stabilizzazione, su tutti i posti vacanti, del posto di lavoro per tutti i precari della scuola.
A tale fine, civile e sociale, si intende promuovere ogni iniziativa utile e necessaria volta a perseguire lo scopo prefissato e, nello specifico:

  • operare con ogni mezzo legittimo per informare, coinvolgere e mobilitare l’opinione pubblica;
  • promuovere iniziative nei confronti di tutti gli Organi Istituzionali, in particolare quelli che sono direttamente preposti alla tutela dei diritti e alla soluzione dei problemi inerenti il personale ATA.

Nella costituzione del Comitato è stato individuato come portavoce e responsabile il Sig. Antonio Palmiero, al quale è stato affidato il compito di proporre e intraprendere idonee iniziative a supporto, compresa la raccolta di donazioni volontarie e contributi da parte dei ricorrenti per perseguire i fini su esposti. Lo stesso, ha conferito ad altro collega, la carica di Cassiere, attribuendogli il compito di identificare i mezzi di raccolta delle donazioni e dei contributi, di raccogliere i fondi per le iniziative che sono state già promosse e per quelle in procinto di essere avviate, nonché di occuparsi della contabilità. Successivamente a queste due figure si sono ricercate altre persone che prendessero parte alla redazione del sito www.voceata.it. Queste figure sono state individuate nelle persone di: Luigi Bufalino, Angelo Trischitta, Salvatore Paolella, Giuseppe Vona, Antonio Palmiero.
Al gruppo di Torino si è aggiunta anche una collega di Arezzo la Signora Elisabetta Simonti.
Il sito innanzitutto si prefigge d’informare, poi di proporre iniziative e di raccogliere i suggerimenti di tutti coloro ne vorranno dare.
Tutti sono invitati a partecipare purché si rispettino i principi per i quali il sito è nato.

{lang: 'it'}

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>