PollockRobot – Progetto di robotica facilitata
 

Il coraggio di dire NO

mar 29

Ricevo dal CIDI il comunicato stampa che vi allego :

Il coraggio di dire NO

Ci sono dei momenti in cui bisogna avere il coraggio e la forza di dire No.  No alla scuola pubblica che va al massacro.  No alla scuola delle quote per gli alunni non italiani.  No ad assolvere l’obbligo nella formazione professionale. No a lavorare a 15 anni nell’apprendistato. No a risparmiare sulle supplenze.  No a dividere gli alunni nelle varie classi quando manca l’insegnante.  No a classi troppo numerose.  No alla dissipazione della scuola primaria. No alle  iscrizioni al buio. No a Indicazioni nazionali per i licei che impoveriscono la mente e il cuore.  No a  intimidire i dirigenti. No a impaurire i docenti. No alla scuola dei ricchi e a quella dei poveri. No al mercato dei master di fantomatiche università on line. No alla valutazione che sanziona e punisce.  No e ancora No. Il Cidi è un’associazione di docenti, da sempre protagonista di tutte le istanze di rinnovamento e di  qualificata innovazione per la scuola. Gli insegnanti del Cidi sono sempre stati in prima fila in tutti i momenti più significativi della vita della scuola con l’ostinata convinzione che l’istruzione sia strumento di libertà e di emancipazione e la  scuola un bene pubblico di cui aver rispetto e cura.   Con forza diciamo No alla scuola di questo ministro e di questo governo, che hanno portato degli adulti fino al punto di dare pane e acqua a bambini di 6 anni perché i genitori non avevano pagato le rette. Adulti che avrebbero dovuto difendere quei bambini.   C’è da rimanere allibiti e disorientati di fronte a tale barbarie. Riprendiamoci allora la forza dell’indignazione e il coraggio di dire con chiarezza No. Ora basta!

La segreteria nazionale

Roma, 26 marzo 2010

{lang: 'it'}

Leave a Reply

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>